“Confessioni” di Dario Lessa

“Ho fatto, disfatto, rifarò e ricomincerò e ci sono morto nell’intensità vissuta in ogni tappa”. Il protagonista Leonardo Levante, Leo, si confessa a noi con autorefenzialità e, denudandosi dei suoi indumenti, si sottopone al processo dei suoi pensieri, della sua vita, dei suoi successi e dei suoi (...)

“Ragnatele invisibili” di Nicoletta Stecconi

Nicoletta Stecconi è una giovane scrittrice piena di talento e “Ragnatele Invisibili” (Edizioni Leucotea, 2012) è il suo romanzo di esordio. La protagonista Francisca raccoglie se stessa seduta alla scrivania, dove svolge il suo lavoro, ed inizia a raccontare. Scrive di sé, della sua vita e della (...)

“Una viennese a Parigi” di Ernst Lothar

Ernst Lothar non delude i suoi appassionati lettori e in questo romanzo uscito negli Stati Uniti nel 1941 mentre la guerra era in corso, e poi solo nel 1951 in tedesco, presso un editore austriaco, appena pubblicato in Italia da E/O con la bella traduzione di Monica Pesetti, ci intriga, ci (...)

“Il cacciatore di libri proibiti” di Fabio Delizzos

Il cardinale camerlengo chiama tre volte: Johannes Petrus Carafa. Non ricevendo risposta, batte tre volte con un martelletto d’argento sulla fronte dell’anziano sdraiato nel letto. Paolo IV è morto. Nell’agosto 1559, si aprono le endiadi in Vaticano, nove giorni di lutto, cui seguiranno i funerali (...)

“La felicità domestica” di Lev Tolstoj

Che gioia, dopo tanta narrativa contemporanea, non sempre riuscita, leggere le pagine di un autore grandissimo, Lev Nikolaevic Tolstoj, e scoprirlo in un lungo racconto tradotto in italiano da Clemente Rebora nel 1930, in un italiano d’epoca, che tuttavia non fa che rendere quel po’ di antico, di (...)

“I fantasmi dell’impero” di Marco Cosentino, Domenico Dodaro e Luigi Panella

Nel 1937 l’Africa Orientale italiana era divenuta un Impero, voluto da Mussolini, dal re Vittorio Emanuele III, e da un Viceré, il ciociaro generale Rodolfo Graziani, che diventerà tristemente noto, nel seguito della sua carriera di esponente del governo Fascista Repubblicano di Salò. Marco (...)

“L’arte dell’attesa” di Andrea Kohler

Penelope aspetta Ulisse seduta a un telaio divenuto paradigma dell’attesa. E aspetta anche l’uomo davanti alla Legge nel racconto omonimo di Franz Kafka. Ne “Il deserto dei tartari”, il tenente Drogo confida che il nemico giunga a interrompere finalmente lo smisurato orizzonte della fortezza (...)
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 20