Classifica Libri – Aprile 2017

La classifica dei libri di Aprile 2017 si apre anche questo mese con “Storie della buonanotte per bambine ribelli” di Francesca Cavallo e Elena Favilli: è la conferma di un successo inaspettato, un titolo che ha scosso le classifiche editoriali, attestandosi come un vero e proprio caso editoriale, per giunta nato dal crowdfunding.
Sono le vite narrate in questo volume, arricchite da originali illustrazioni, a calamitare l’attenzione dei lettori: niente principesse ma scienziate, pittrici, astronaute, musiciste e chef; niente love story ma grandi sogni, diventati realtà grazie al coraggio, alla determinazione, alla caparbietà di queste eroine.

"Soprattutto non temete i momenti difficili, il meglio viene da lì” (Rita Levi Moltalcini)

L’amore comunque non manca, tra i libri più venduti del mese: Roberto Emanuelli con “E allora baciami” ci regala una storia delicata e toccante dove lo stesso sentimento è analizzato da due prospettive differenti: quella di Leonardo, che non riesce a liberarsi dal ricordo di Angela, e quella della figlia Laura che ai silenzi del padre preferisce le parole delle blogger su internet. Un viaggio sorprendente che rimescolerà le carte e dischiuderà per entrambi la via dei sentimenti.

Su podio anche l’immancabile Maurizio De Giovanni, tornato in libreria con “I guardiani”, dopo il grande successo dei volumi dedicati a “I bastardi di Pizzofalcone”. Ci regala una storia cupa e fumosa che catapulta il lettore tra le pieghe più misteriose in una Napoli inedita: un quartetto di ricercatori e giornalisti sono alle prese con l’esoterismo, le teorie complottiste, dei reati ed altri eventi inspiegabili in una storia che ci mette di fronte a una verità che forse avevamo davanti da sempre e non abbiamo mai voluto vedere.

Nelle prime posizioni della classifica dei libri del mese anche Federico Moccia, con “Tre volte te”. Dopo “Tre metri sopra il cielo” e “Ho voglia di te”, e oltre dieci milioni di copie vendute nel mondo, tornano Babi, Step e Gin, ora adulti.
Step ora è un produttore televisivo di successo, sta per sposarsi con la sua dolcissima Gin e si è lasciato dietro una vita molto diversa, fatta di eccessi e di sregolatezza, se non che Babi entra di nuovo nella sua vita, con una verità sconvolgente che lo obbligherà a porsi domande scomode e a mettere in discussione tutte le sue certezze.

Anche Sellerio ha colto nel segno con “Viaggiare in giallo, una raccolta di racconti dei migliori nomi del giallo nostrano - Alicia Giménez-Bartlett, Marco Malvaldi, Antonio Manzini, Francesco Recami, Alessandro Robecchi, Gaetano Savatteri – dove i loro inconfondibili personaggi sono alle prese con indagini in giro per il mondo, che possono svolgersi solo con bagaglio a mano. Per Antonio D’Orrico del Corriere della sera

“L’antologia di racconti gialli che Sellerio pubblica periodicamente è diventata una piccola tradizione per lettori fedeli, affezionati e numerosi”

Tra i libri più venduti di Aprile 2017, primo nella sezione young adult, troviamo “Tredici” di Jay Asher, titolo che ha spopolato negli Stati Uniti, con più di due milioni e mezzo di copie vendute e che presto diventerà anche una serie tv prodotta da Netflix.

“Non puoi bloccare il futuro. Non puoi riavvolgere il passato. L’unico modo per scoprire la verità... è premere play”

È proprio quello che deve fare Clay quando si ritrova di fronte i nastri che gli lasciato Hannah, la ragazza di cui è innamorato da sempre, che si è suicidata due settimane prima. Sarà davvero pronto Clay per ascoltare queste tredici, drammatiche storie?

Arrivato solo da pochi giorni in libreria Daniel Pennac con “Il caso Malaussène. Mi hanno mentito” è già un successo: i protagonisti de “Il paradiso degli orchi”, “La fata carabina”, “La prosivendola”, “Signor Malaussène”, “Ultime notizie dalla famiglia” e “La passione secondo Thérèse”, tornano a grande richiesta, come ha spiegato l’autore stesso:

"Un giorno di tre o quattro anni fa in cui firmavo copie in libreria, un’anziana signora mi ha chiesto se avrebbe ancora sentito parlare della tribù Malaussène. Aveva letto i romanzi su consiglio della nipote, una ragazzina venuta lì a farsi firmare tutti i titoli della serie per il fidanzato. A sua volta, lei li aveva letti su consiglio della madre, alla quale erano stati suggeriti dal compagno dell’epoca, diventato poi suo marito. Avevo le tre generazioni davanti agli occhi: la figlia, la madre e la nonna. Tutte e tre mi chiedevano ardentemente notizie di Malaussène. Ho promesso che gliele avrei date".

E anche oltre tre milioni di italiani non vedevano l’ora che questa serie ricominciasse.

Tra le novità in libreria più apprezzate ad Aprile, segnaliamo anche “Tutto è in frantumi e danza” di Guido Maria Brera e Edoardo Nesi, una riflessione amara che riporta la mente del lettore a un passato prossimo che, tuttavia sembra lontano anni luce: erano gli anni in cui credevi che il futuro sarebbe stato migliore del presente, gli anni in cui i sogni potevano trasformarsi facilmente in progetti, gli anni in cui tutti potevano credere che le piccole aziende non avrebbero chiuso, che le persone non avrebbero perso lavoro, che le banche non sarebbero fallite. Gli anni in cui vivevamo nel migliore dei mondi possibili e non ce ne accorgevamo neanche.

Gli amanti dei romanzi storici e dell’avventura hanno apprezzato anche il ritorno in libreria di Wilbur Smith, nella classifica dei libri del mesi con “L’ultimo faraone”. Nella storia di Taita si intrecciano lotte sanguinose per la difesa dell’Egitto, tiranni crudeli e sanguinari, invidie, rivalità e soprusi: ingredienti di un’avventura tra mito e storia che, secondo il The Washington Post, è caratterizzata da

“Un ritmo che toglie il fiato, in un romanzo magistrale in cui passione, furia, tradimenti e suspense non danno tregua al lettore”.

Chiude il cerchio dei libri più venduti di Aprile Jo Nesbo, con “Sete”. Harry Hole non può sfuggire al suo destino di detective, non può fare a meno di mettersi nei guai. È Ancora troppo presto per mettersi a insegnare, troppo sangue scorre nelle composte strade di Oslo: due donne, morte a breve distanza di tempo, portano sul loro corpo una firma inconfodibile e condividono un recente interesse, l’utilizzo di Tinder che gli ha fatto fare nuove, inquietanti amicizie.

Lascia un commento