Classifica Libri - Gennaio 2013

Ridere anche quando non ci sarebbe nulla da ridere: questa è una lezione che gli italiani hanno imparato bene, anche grazie all’irriverente comicità di Luciana Littizzetto che, in "Madama Sbatterflay" (Mondadori), aiuta i cittadini a reagire con ilarità anche quando non si dovrebbe, come unico modo per sopravvivere. Forse è per questo che il libro è precocemente salito sul podio.

Resta saldo tra le prime posizioni "Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico" (Guanda), di Luis Sepulveda. Una storia di amicizia e di diversità, che di certo non poteva non rapire qualche cuore sotto le festività natalizie.

Scende di qualche posizione, pur restando sul podio, "L’infanzia di Gesù" (Rizzoli), di papa Benedetto XVI. Un libro che ripercorre l’infanzia del Criso e si arricchisce di riflessioni interessanti e approfondite, utili anche per chi non crede.

Torna alla gloria delle prime posizioni Massimo Gramellini, con "Fai bei sogni" (Longanesi): struggente esperienza autobiografica di una perdita prematura, quella della madre, e di una verità rivelata più tardi, che aiuterà lo scrittore a ricostruire e a comprendere il comportamento del padre negli anni precedenti. Toccante e delicato, un libro che sicuramente merita di essere letto.

Tra i libri più venduti a gennaio 2013 torna anche una vecchia conoscenza: quel "Venuto al mondo" (Mondadori) di Margaret Mazzantini, che poco tempo fa è stato portato al cinema da Sergio Castellitto con Penelope Cruz. Una maternità sofferta e voluta a ogni costo appassiona ancora, fortemente, i lettori.

Resta in classifica J. K. Rowling, con "Il seggio vacante" (Salani), un libro diverso e rispetto alla saga di Harry Potter, con molti rimandi attuali. Le lotte fratricide all’interno di un paesino dopo la morte di un consigliere comunale accendono la fantasia della Rowling e la curiosità dei lettori.

La storia di una donna che si incrocia con la Storia d’Italia, un connubio da sempre molto amato dai lettori. Forse è anche per questo che "Eredità" (Rizzoli), di Lilli Gruber, è tra i libri più venduti di gennaio 2013. La vita di una donna, Rosa (la bisnonna dell’autrice), si confronta e si scontra con gli eventi storici che hanno caratterizzato l’Italia del primo Novecento.

"Mettiamoci a cucinare" (Rizzoli), di Benedetta Parodi, continua a piacere e a solleticare i palati (e le mani) dei novelli cuochi italiani. Tante ricette da provare, preparare, assaggiare, gustare, per pranzi e cene coi fiocchi!

Nella classifica dei libri più venduti di gennaio 2013 non poteva di certo sparire uno degli scrittori più letti e amati dagli italiani: Andrea Camilleri, con "Una voce di notte" (Sellerio), si mantiene saldo tra le prime dieci posizioni.

La vera novità del 2013 è rappresentata da "Italiani di domani" (Rizzoli), di Beppe Severgnini, dove l’autore, con il suo solito umorismo dal gusto british, riesce a far sorridere il lettore e al contempo a proporre di cambiare il Paese per avere un futuro migliore. Chissà che non abbia ragione...

Lascia un commento