Classifica Libri – Gennaio 2018

La classifica dei libri più venduti del mese si apre con delle interessanti novità: perdono posizioni molti di quelli che si sono attestati come dei veri e propri bestseller del 2017 per lasciare il posto a interessanti novità che, almeno in alcuni casi, devono gran parte del loro successo al grande schermo.

La prima di esse è “Darker” di E. L. James: stavolta Erika Leonard ha deciso di puntare l’attenzione sul carnefice e non sulla vittima. La tormentata storia d’amore che ha già stregato milioni di lettori e di spettatori in tutto il mondo continua - dopo “Cinquanta sfumature di rosso”, “Cinquanta sfumature di grigio” e “Cinquanta sfumature di nero” - con un altro, accattivante capitolo: Christian Grey, infatti, dopo la rottura dolorosa che si è consumata con Anastasia Steele è deciso a riconquistarla. Con l’aiuto del dottor Flynn prova reprimere le sue ossessioni, i fantasmi dell’infanzia, il bisogno di dominare; riuscirà quest’uomo tormentato e ferito ad amarla alle sue condizioni?

Altro interessante titolo, tra le migliori novità in libreria a Gennaio 2018, è “Follia maggiore” di Alessandro Robecchi che, dopo “Dove sei stanotte”, “Di rabbia e di vento” e “Torto marcio”, sembra confermarsi come uno dei più apprezzati giallisti nostrani anche grazie a Carlo Monterossi, autore televisivo e detective per caso, nonché protagonista dei suoi romanzi. Coinvolto da un amico nella sparizione di un anziano finanziere, dovrà in realtà misurarsi con la oscura morte di una traduttrice, con il dolore inconsolabile della figlia e con una Milano dove una pioggia livida e incessante non accenna a fermarsi; si sente che Robecchi questa città

“la possiede in lungo e in largo e gli piace raccontarla con disincanto e un taglio ironico” (Paolo Mauri)

Sul podio troviamo ancora Fabio Volo, con “Quando tutto inizia”. È la migliore conferma del fatto che anche questo suo ultimo libro, come “Il giorno in più”, “Il tempo che vorrei” e “È tutta vita”, è destinato a diventare un bestseller. La ricetta ormai la conosciamo bene e continua ad essere quella giusta: ci racconta una storia dei nostri giorni, un amore, quello di Silvia e Gabriele, che nasce tra gli scaffali di una libreria, si consuma nell’ombra di un appartamento, brucia di passione e impercettibilmente si incrina, quando non riesce a trovare l’autenticità di un destino comune.

Tra le sorprese che il nuovo anno ha portato in libreria anche Ilaria Tuti con “Fiori sopra l’inferno”, un thriller capace di scuotere la mente e il cuore. L’esordio di una scrittrice di talento, un libro dal ritmo implacabile e dall’ambientazione suggestiva, una storia di straordinaria umanità che vede protagonista una donna dallo spirito indomito, pieno di rabbia e capace di inaspettata tenerezza.

“Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell’orrido che conduce al torrente, tra le pozze d’acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l’esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l’inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling e ogni giorno cammino sopra l’inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall’età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l’indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura”.

I lettori italiani sono sempre più interessati alla saga delle Sette sorelle di Lucinda Riley, lo conferma “La ragazza delle perle”, il nuovo capitolo da poche settimane in libreria, dopo “Il giardino degli incontri segreti”, “La luce alla finestra”, “Il segreto della bambina sulla scogliera”, “Il segreto di Helena”, “La ragazza italiana” e “La ragazza nell’ombra”. Cece, delusa dalla sorella, decide di fuggire a Londra per mettersi sulle tracce di una pioniera australiana vissuta un secolo prima: è solo la prima tappa di un viaggio che la porterà nell’emisfero australe, dove le sue sorti si incroceranno con quelle della potente famiglia Mercer e di due fratelli diversissimi, entrambi innamorati di lei.

Tra i migliori libri in uscita a Gennaio 2018 anche “Il lato oscuro dell’addio” di Micheal Connelly. Harry Bosch sembra aver ormai mandato in soffitta il suo rapporto di amore/odio con il dipartimento di polizia di Los Angeles ma quando il vecchio e ricchissimo Whitney Vance chiede il suo aiuto per scoprire se davvero non ha eredi, non può fare a meno di accettare l’incarico: inizia così un viaggio mozzafiato che lo porterà dalla periferia ispanica dell’impero ai grattacieli, in una vicenda suggestiva e incalzante.

“Harry Bosch è uno degli ultimi eroi romantici” (The New York Times)

Anche “La grande truffa” di John Grisham è riuscita a calamitare l’attenzione dei lettori italiani in pochissimo tempo: dopo aver svestito i panni dello scrittore noir - con “Il caso Fitzgerald” - Grisham ci racconta una storia tutta americana, puntando i riflettori sulle grandi scuole private di legge. È una truffa in grande stile perché l’istituto di Mark, Todd e Zola, come molti altri è nelle stessi mani di chi possiede un istituto di credito specializzato in prestiti agli studenti. Per vendicarsi e fare giustizia, i tre decidono di iniziare a praticare intorno al tavolo di un bar.

Complice il grande successo al botteghino, nella classifica delle migliori novità in libreria a Gennaio non poteva mancare “Wonder”, il libro per ragazzi di R. J. Palacio che è stato capace di toccare le corde più intime e delicate di migliaia di lettori.
Auggie ha una tremenda deformazione facciale e, dopo molti interventi, dovrà affrontare il mondo esterno, la scuola, i compagni, gli insegnanti e gli adulti. La famiglia è meravigliosa e gli amici, quelli veri, non tardano a farsi sotto: dopo qualche incomprensione l’anno scolastico finirà in modo scintillante anche per lui.

Perde posizioni Dan Brown, con “Origin”, il suo ultimo romanzo che vede ancora una volta protagonista l’intrepido Robert Langdon che avevamo già conosciuto ne “Il codice Da Vinci”, in “Angeli e Demoni” e in “Inferno”.
Il bisogno di scoprire la verità su una scoperta talmente incredibile da scalzare dogmi consolidati e rimettere in discussione le sorti dell’umanità, gli farà percorrere le suggestive città della Spagna, insieme ad Ambra Vidal, la direttrice del Guggenheim di Bilbao, in una corsa mozzafiato contro il tempo, sulle tracce di una scoperta che sta per essere perduta per sempre.

Chiude il cerchio dei libri del mese Donato Carrisi con “L’uomo del labirinto”. Dopo “Il suggeritore”, “Il tribunale delle anime”, “L’ipotesi del male”, “La ragazza nella nebbia” e “Il maestro delle ombre”, uno dei più apprezzati scrittori di thriller in Italia e all’estero, è tornato con una storia al cardiopalma che vi terrà attaccati alle pagine fino all’ultimo. Quando Samantha, dopo anni di reclusione, esce debilitata e ferita, dalle tenebre in cui l’aveva rinchiusa l’uomo del labirinto, il dottor Green inizierà ad avventurarsi nei meandri della sua mente, mentre Bruno Genko, con il suo fiuto acutissimo, inizia a inseguire il mostro, consapevole che gli resta poco da vivere.

Lascia un commento