Classifica Libri - Novembre 2016

Ritorna in libreria con un romanzo dirompente Roberto Saviano: dopo i fortunati libri inchiesta “Gomorra” e “ZeroZeroZero”, “La paranza dei bambini” (Feltrinelli, 2016), una storia vera sulla baby gang della mafia napoletana, segna il suo vero ingresso nella narrativa: un libro che ha già appassionato migliaia di lettori.

Molto apprezzato da giovanissimi e non anche “L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita” (Mondadori, 2016) il nuovo libro di Alessandro D’Avenia che ci ha regalato un Leopardi fuori dalle righe, rinnovato e meno pessimista, lontano insomma dai cliché scolastici e dalla realtà storica. Il prof. ci insegna che l’immaginazione è la carta più importante da giocare quando si affrontano le grandi domande della vita:

“Esiste un metodo per la felicità duratura? Si può imparare il faticoso mestiere di vivere giorno per giorno in modo da farne addirittura un’arte della gioia quotidiana?”

Ancora sul podio anche “Harry Potter e la maledizione dell’erede” (Salani, 2016) di J. K. Rowling: il maghetto di Hogwarths è diventato adulto ma non ha perso il suo fascino, un genitore alle prese con la magia che sta molto appassionando i lettori italiani.

Nella classifica dei libri più venduti di Novembre 2016 c’è sicuramente una sorpresa inaspettata: Valter Longo con il suo “La dieta della longevità” (Vallardi, 2016) ha richiamato l’attenzione di molti: che sia stata l’atmosfera natalizia già nell’aria e la paura di ingrassare che le feste portano con loro a smuovere i lettori?

Spazio ai thriller in questo autunno: suspense e colpi di scena sono un valido antidoto contro i primi freddi. Ce ne accorgiamo dal successo de “La ragazza del treno” (Piemme, 2016) di Paula Hawkins un libro che lo scorso anno, quando venne pubblicato in Gran Bretagna e negli Stati Uniti rimase in vetta alle classifiche per 13 settimane, totalizzando 3 milioni di copie vendute: tanto bastò alla DreamWorks per decidersi a realizzarne l’adattamento cinematografico.

Non delude neanche Carlos Ruiz Zafon, maestro spagnolo della narrazione gotica, con il suo “Il labirinto degli spiriti” (Mondadori, 2016) quarto e ultimo capitolo della tetralogia del cimitero dei libri dimenticati, dopo “L’ombra del vento”, “Il gioco dell’angelo” e “Il prigioniero del cielo”:

“Quella notte sognai di tornare nel Cimitero dei Libri Dimenticati. Avevo di nuovo dieci anni e mi svegliavo nella mia vecchia stanza avvertendo che la memoria del viso di mia madre mi aveva abbandonato”.

Anche gli appassionati delle vicende italiane sono riusciti a soddisfare la loro fame di letture: quello de “L’estate fredda” (Einaudi Stile Libero, 2016) è un Gianrico Carofiglio inedito che ha affinato la sua penna per tornare sulla torbida stagione dello stragismo mafioso, raccontandoci una Bari in preda alle lotte tra clan dove si consuma il tragico rapimento del figlio di un boss.

La storia, soprattutto se ha a che fare con la religione, non smette mai di appassionare: lo dimostrano i molti lettori sedotti da “Il segno della Croce” il nuovo libro di Glenn Cooper che, dopo averci tenuto con il fiato sospeso con libri come “Dannati”, “La porta delle tenebre”, “L’invasione delle tenebre”, stavolta ha firmato un avvincente thriller storico.

Complice la fortunata serie TV in onda su Rai1, i lettori italiani sono stati colti da un rinnovato interesse per la dinastia dei Medici e per le vicende di cui sono stati protagonisti nella Firenze del Quattrocento: ne vedremo delle belle dal momento che “I Medici: una dinastia al potere” (Newton Compton, 2016) è solo il primo volume della trilogia che Matteo Strukul darà alle stampe entro il prossimo anno.

Anche i lettori di saggistica non sono rimasti a bocca asciutta: Federico Rampini ne “Il tradimento” (Strade Blu Mondadori, 2016) offre una chiave di lettura laterale e quanto mai affascinante della crisi dell’Occidente e del mondo intero: al di là dei cicli economici, del terrorismo islamico e delle migrazioni, una delle sue ragioni profonde è da individuare nel tradimento delle élites.

Che l’atmosfera natalizia sia già nell’aria lo dimostra anche “Storie di Natale” che chiude il cerchio della classifica dei libri più venduti di Novembre 2016: il volume di fine anno di Sellerio stavolta si tinge di giallo, di allegria, a volte anche di malinconia, grazie ai racconti di Calaciura, Camilleri, Cataluccio, Giménez-Bartlett, Manzini, Recami e Stassi.

Lascia un commento