Classifica libri - Aprile 2015

Che succede nella classifica libri del mese? Le novità editoriali di Aprile hanno cambiato il podio? Ecco la nuova top ten.

Resiste il piccolo di saggio di Carlo Rovelli "Sette brevi lezioni di fisica", che ha spopolato dopo la presentazione alla trasmissione di Fabio Fazio "Che tempo che fa", seguito dai "Momenti di trascurabile infelicità" di Francesco Piccolo, già autore di "Momenti di trascurabile felicità" e vincitore del premio Strega 2014 con “Il desiderio di essere come tutti”.

Il nuovo romanzo di Jo Nesbø "Sangue e neve" conquista le posizioni alte, in attesa della trasposizione cinematografica. Il film sarà prodotto e interpretato da Leonardo DiCaprio.

Rientra Alessandro Baricco con "La sposa giovane", mentre una new entry è "Il magico potere del riordino" di Marie Kondo, che sta conquistando i lettori con il suo modo zen di fare ordine:

"Riordinare ci fa stare bene perché è un modo di prenderci cura di noi stessi. Vivere in ambienti ordinati ci costringe a guardarci dentro, a conoscerci più a fondo, ad affrontare le nostre paure. Dopo aver fatto questo lavoro su noi stessi, avremo anche imparato ad apprezzarci di più".

L’ipotetica partecipazione della misteriosa Elena Ferrante al Premio Strega 2015, notizia ufficiale dopo la pubblicazione dei 12 libri finalisti, fa tornare in auge la saga "L’amica geniale".

"Atti osceni in luogo privato" di Marco Missiroli è un’altra new entry rispetto al mese scorso, così come "Revival" di Stephen King e "I misteri della montagna" di Mauro Corona, alpinista che racconta boschi, rocce e cime ancora inesplorate.

Fanalino di coda casa Sellerio con "La crisi in giallo". Sei racconti gialli scritti da Nicola Fantini, Laura Pariani, Marco Malvaldi, Dominique Manotti, Antonio Manzini, Francesco Recami, Gaetano Savatteri, in cui il filo conduttore è la denuncia sociale di una crisi economica che si tinge di giallo.

Lascia un commento