Classifica libri - Giugno 2014

Curiosi di scoprire le novità della classifica di giugno? Come cambia la classifica libri di maggio? Ecco le new entry, chi scende e chi sale.

Ai primi posti della classifica restano saldi "La bambina che salvava i libri" ("Storia di una ladra di libri") di Markus Zusak e "La moglie magica", il nuovo romanzo di Sveva Casati Modignani.

Stabili anche "Il cardellino" di Donna Tartt e "Un’idea di destino" di Tiziano Terzani, che figura tra le più attese e fortunate uscite di Maggio.

In classifica entra il nuovo romanzo di Andrea Camilleri "La piramide di fango": in una giornata di pioggia a Vigàta, preda di acquazzoni violenti e persistenti che non danno requie, Giugiù Nicotra viene trovato morto in un cantiere, mezzo nudo e colpito da un proiettile alle spalle. Chi è il colpevole? Dove condurranno le indagini?

New entry anche il nuovo libro di Haruki Murakami "L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio": a Nagoya abitano cinque ragazzi, tre maschi e due femmine tra i sedici e i vent’anni, che vivono la più perfetta e pura delle amicizie, finché un giorno Tazaki Tsukuru riceve una telefonata: non deve più cercare gli altri. Dopo sei mesi di depressione, Tazaki Tsukuru torna a galla: è cambiato, nel corpo e nell’anima. Perché i suoi amici gli hanno detto addio?

Conquista il suo posto Paulo Coelho con "Adulterio". Linda è una giovane donna che vive in Svizzera con la sua famiglia. E’ felice, eppure pian piano inizia a mettere in dubbio tutte le certezze di cui è fatta la sua quotidianità. Quando incontra una sua vecchia fiamma, in Linda esplode una travolgente passione.

Popolano la classifica di questo mese anche Paolo Giordano con il suo ultimo romanzo "Il nero e l’argento", ovvero la quotidianità di una famiglia ordinaria, padre, madre, figlio e la signora A., che vigila sulla famiglia, e "La mia Londra", l’ultimo libro di Simonetta Agnello Hornby. La scrittrice arriva a Londra, da Palermo, nel 1963 e diventa Mrs. Hornby, donna sposata con due figli. Un racconto intimo e una guida a Londra, che cambia continuamente, inesorabilmente.

Un classico che non muore mai? "Cent’anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez, scomparso lo scorso 17 aprile 2014.

Lascia un commento