Classifica libri - Maggio 2010

Maggio 2010 - Rimane ancora in classifica il romanzo di Andrea Camilleri dal titolo "Il nipote del Negus" (edizioni Sellerio) un romanzo in bilico tra la realtà e la fantasia raccontato con la vena comica ed irriverente tipica della narrazione di Camilleri.

Tra i libri che hanno visto la luce alla fine del mese scorso troviamo in classifica "Caino" (edizioni Feltrinelli) del premio Nobel portoghese José Saramago che torna ad occuparsi di religione narrando in modo totalmente nuovo la storia di Caino. Un libro che porta a riflettere su Dio, sulla sua esistenza e sui suoi attributi. Troviamo anche "Il palazzo della mezzanotte" è l’ultimo romanzo di Carlos Ruiz Zafòn ambientato a Calcutta in cui è il fuoco il reale protagonista capace di nascondere e allo stesso tempo illuminare i misteri e i segreti che sono l’anima di questo romanzo.

Sono davvero molti i libri in classifica che sono usciti nelle librerie soltanto nei primi giorni di maggio.

Tra i libri stranieri usciti a maggio in libreria troviamo "La dea cieca" di Anne Holt (edizioni Einaudi), un romanzo giallo ambientato nelle strade di Oslo che ci mostra quanti possono essere in realtà i collegamenti tra il mondo dell’avvocatura e quello della droga e quanta corruzione vi sia anche dietro ai poliziotti apparentemente più buoni. Anche "Il libro delle anime" di Glenn Cooper (edizioni Nord) è un giallo in cui un ex agente dell’FBI si trova costretto a fare i conti con il passato e con i segreti che conosce a causa della scomparsa di un importante volume dalle Biblioteca del Morit.

Non mancano inoltre i nomi italiani in classifica tutti, anche in questo caso, usciti nelle librerie da meno di due settimane. "Non esiste saggezza" di Gianrico Carofiglio (edizioni Rizzoli) è una raccolta di racconti in cui si muovono personaggi semplici che provengono dal luoghi del tutto quotidiani. Ma proprio lì nella semplicità delle loro esistenze si annidano paure, ombre ed emozioni profonde che la narrazione straordinaria di Carofiglio ci insegna a conoscere. Fabio Geda, da sempre impegnato nei problemi dell’educazione e del disagio giovanile, ci racconta nel suo romanzo dal titolo "Nel mare ci sono i coccodrilli" (edizioni Baldini Castoldi Dalai) la vera storia di Enaiatollah Akbari un ragazzino che è riuscito a fuggire dall’Afghanistan e che ha trovato una nuova famiglia e una nuova casa a Torino. Entra in classifica anche il primo romanzo del giornalista Massimo Gramellini dal titolo "L’ultima riga della favole" (edizioni Longanesi) un romanzo ricco di sentimenti e paure in cui il protagonista, un giovane professore, si ritrova alle Terme dell’Anima ossia nel luogo in cui finiscono coloro che rifuggono dai desideri per paura delle responsabilità.

Entrano in classifica anche due saggi da poco usciti nelle nostre librerie. "Per l’alto mare aperto" (edizioni Einaudi) è un saggio in cui Eugenio Scalfari ripercorre tutte le tappe della modernità e della sua continua voglia di rinnovarsi senza perdere la memoria di se stessa per mostrarci che un giorno proprio sulle sue ceneri potrà finalmente sorgere una nuova era. "Don Vito" di Francesco La Licata e Massimo Ciancimino (edizioni Feltrinelli) è invece un saggio che ripercorre le tappe della storia della mafia e dei suoi rapporti con la politica.

Lascia un commento