Classifica libri - Marzo 2010

Marzo 2010 - Molti i libri che riescono a mantenersi stabili in classifica questo mese. Ancora nelle prime posizioni troviamo infatti l’ultimo romanzo di Gianrico Carofiglio "Le perfezioni provvisorie" (Sellerio editore), uscito nel gennaio scorso nonchè gli ormai bestseller "Il peso della farfalla" di Erri De Luca (Mondadori) e "L’eleganza del riccio" di Muriel Barbery (edizioni E/O).

Ancora presenti anche "Il giovane Holden" (Einaudi editore) che dalla morte del suo autore Jerome David Salinger non è più uscito dalla classifica e La principessa di ghiaccio di Camilla Lackberg (Marsilio editore).

Molte anche le novità presenti. L’attesissimo saggio di Marco Travaglio "Ad personam" (Chiare Lettere editore) è balzato in classifica subito dopo la sua uscita in libreria nei primi giorni di Marzo. Il saggio mira a denunciare una condizione italiana che da molti anni ormai sembra andare avanti, la condizione della corruzione di giudici e testimoni nonchè della falsificazione dei bilanci e delle frodi al fisco.

Oltre a Travaglio solo un’altra novità porta un nome italiano. Stiamo parlando di Alessandro d’Avenia con il suo Bianca come il latte rossa come il sangue (Mondadori editore) uno tra i possibili candidati alla vittoria del Premio Strega 2010. Il romanzo parla di Leo, un ragazzo sedicenne che vive tra due colori, il bianco verso il quale prova timore e il rosso, il colore della passione e dell’amore.
Ed anche l’amore è per Leo come un’altalena che oscilla tra realtà ed immaginazione.

Stessa sorte per il nuovo romanzo di Philip Roth L’umiliazione (Einaudi editore) la storia simbolica di un attore di successo ormai sessantenne che si ritrova d’un tratto immerso nell’incapacità di recitare.

La Mondadori presenta la traduzione di un altro romanzo pubblicato da Madeleine Wickham, prima che divenisse meglio conosciuta con lo pseudonimo Sophie Kinsella. Dopo il successo del romanzo del 2008 dal titolo "La signora dei funerali", ritroveremo in libreria una nuova storia che entra subito in classifica. Si tratta di "La compagna di scuola" in cui le storie di tre amiche si intrecciano mostrandoci che la felicità superficiale non è mai vera felicità.

In ottima posizione troviamo anche l’ultimo libro di Jonathan Foer S. "Se niente importa. Perchè mangiamo gli animali? (Guanda editore), un saggio che è anche racconto e testimonianza personale basato su un’indagine di tre anni negli allevamenti di cui si denunciano le violenze che gli animali devono subire per diventare il cibo quotidiano sulle nostre tavole.

Lascia un commento