Classifica libri - Settembre 2018

La classifica libri di Settembre 2018 ci mostra un panorama di possibilità piuttosto variegato con le prime 10 posizioni che accontentano tutti i gusti. Qualche piccola sorpresa dalla classifica di questo mese a partire dal primo posto che questa volta è occupato da una vecchia conoscenza: Elena Ferrante.
L’amica geniale è infatti in vetta alle classifiche ancora una volta, dal momento che a breve la Rai proporrà la serie tv inspirata ai romanzi della scrittrice.

Si parte dal prologo, dove conosciamo le due amiche al centro della narrazione: Raffaella detta Lila e Elena. A Torino, dove abita Elena, arriva una telefonata da Napoli del figlio di Lila che chiede alla donna se sua madre sia da lei: la sessantaseienne è scomparsa da due settimane, senza lasciare alcuna traccia dietro di sé. Elena sa che Lila si è davvero volatilizzata, cancellando le orme che possano ricondurre a lei, la conosce troppo bene e da sempre, decide quindi di raccontare la loro storia, a partire dall’infanzia in un quartiere periferico napoletano, molto povero, nei primi anni cinquanta.

Questa la trama, che viene descritta da Elisabetta Bolondi per Sololibri nella recensione del libro. Un testo che ha fatto scalpore e che ora con l’uscita delle puntate in Rai torna ad essere in vetta alla classifica.
Secondo posto invece per la nuova opera di Andrea Camilleri, che questa volta non mette nelle sue pagine Montalbano, ma scrive alla piccola pronipote. Ora dimmi di te. Lettera a Matilda è il testo che il maestro del giallo siciliano dedica alla piccola, raccontando la sua vita.
Cerca di raccontare i momenti più importanti del suo vissuto, mostrando a Matilda gli errori da evitare nella sua vita futura.

Terzo posto per Maurizio Maggiari con L’amore che narra la sera prima delle nozze di uno sposo che rimembra i vecchi amori, le vecchie fiamme e tutte le donne che si sono susseguite nella sua vita. Un racconto senza malizia e che porta alla memoria le esperienze vissute in età diverse. Un libro che celebra il sentimento più bello e puro: l’amore.
Rimane salda ai primi gradini del podio la vincitrice del Premio Strega 2018: Helena Janeczek, La ragazza con la Leica. Un romanzo incentrato sulla prima fotografa morta sul campo di battaglia, Gerda Taro, una donna amata e stimata per il suo lavoro, che viene raccontata da Helena Janeczek in modo impeccabile.

Quinta posizione per Lucarelli che torna in libreria con Peccato mortale. Nel passato del commissario De Luca c’è una picola macchia, un momento che lo ha portato ad essere come un’altra persona. I giorni tra il 25 luglio e l’8 settembre del 1943 sono momenti strani, concitati con l’Italia che si sveglia senza più il fascismo e i tedeschi in casa. Proprio in mezzo a questo caos De Luca, deve indagare su un corpo trovato senza testa. Un caso complesso che presto assume risvolti politici, molto pericolosi. Il caso sarà risolto, ma si dovrà scendere a patti, fare un piccolo compromesso, sporcarsi le mani.

Scendiamo ancora un po’ nella nostra classifica per trovare il nuovo commovente libro di Hosseini, Preghiera del mare.

Il nuovo libro di Hosseini arriva diritto al cuore e racconta l’inquietudine di un padre che, confuso fra innumerevoli altri uomini, deve fuggire dalla sua terra martoriata e, in una notte insonne, sulle rive di un mare sconosciuto, attende di imbarcarsi con la sua famiglia alla volta di un futuro incerto, con la speranza di salvarsi e di sbarcare in una nuova terra in cui poter ricostruire la propria vita.

Scrive Vittoria Caiazza su Sololibri, andando dritta al punto e riassumendo in modo egregio il lavoro che lo scrittore, noto per Il cacciatore di aquiloni, ha svolto in questo suo ultimo libro.
Settimo posto invece per Jeffery Deaver con Il taglio del dio. Dopo ben vent’anni di onorata carriera, di tanti casi risolti in maniera incredibile e di tanti criminali mandati dietro e sbarre, il detective Lincoln Rhyme, il più rivoluzionario della narrative crime, torna con un nuovo caso da risolvere e sarà in splendida forma.
Ottavo posto per La famiglia Aubrey di Rebecca West, che non accenna ad uscire dalle prime 10 posizioni, dove ormai permane da molti mesi. Primo passo di una saga familiare che mostra la vita di una famiglia molto particolare, composta da madre, padre e quattro bellissimi figli tutti dotati di grande talento artistico. Le gemelle Mary e Rose sono eccellenti pianiste e non perdono occasione di mostrarlo, il maschio Richard, coccolatissimo nella casa mostra già il suo talento, mentre per Cordelia le cose sono un po’ diverse. La ragazza non sembra infatti avere una particolare abilità come invece mostrano i fratelli.

Joe R. Lansdale con Il sorriso di Jackrabbit ottiene invece il 9° posto con una storia avvincente e che lascia con il fiato sospeso.
Nel giorno delle nozze Hap si vede piombare nel giardino di casa due pentecostali . Un ragazzo, tatuato, con una maglietta con su scritto: «Bianco è giusto» e una donna. Questi due individui sono madre e fratello della giovane Jackie Mulhaney, detta Jackrabbit,da qualche tempo scomparsa nel nulla. Nessuno vuole cercarla e gli unici a raccogliere la sfida sono Hap e Leonard. L’indagine li porterà nelle stanze segrete di una setta oscura.
Decimo ed ultimo posto della classifica libri di settembre è per Wilbur Smith con il suo Grido di guerra, una storia che ci porta nell’autunno 1938. Dopo un breve periodo di pace, il mondo intero è nuovamente in un conflitto. Per Saffron Courteney a creare caos però non è la guerra, ma la battaglia che ha iniziato dentro di sé. La ragazza ha avuto un’infanzia idillica, finché un evento drammatico non la costringe a maturare in fretta.

L’uomo che ama disperatamente si chiama Gerhard von Meerbach, il fratello è un magnate dell’industria automobilistica tedesca, membro attivo del partito nazista. Gerhard sarà quindi costretto a opporsi alle forze che hanno preso il sopravvento sulla sua nazione e alla sua famiglia, legata da uno scomodo segreto a quella dei Courteney. Un romanzo che viene letto in pochissimo tempo e che non permette di staccare gli occhi dalle pagine.

Lascia un commento