“Il tribunale delle anime” di Donato Carrisi

A volte tutto ciò di cui si ha bisogno per rilassarsi è un bel thriller, costruito bene, che sia verosimile, inquietante ed ansiogeno quel tanto che basta a farci sussultare sulla poltrona al primo rumore imprevisto. Un maestro del genere è lo scrittore Donato Carrisi che riesce nell’impresa con “Il tribunale delle anime” (Longanesi, 2011), un romanzo dai ritmi serrati, al cardiopalma, denso di colpi di scena, di personaggi costruiti ad arte ed inseriti in una trama avvincente e mai banale.

Donato Carrisi ci racconta una storia ambientata in una Roma battuta dalla pioggia, lucida ed oscura, piena di segreti e luoghi che non sono quello che sembrano a prima vista: una ragazza è scomparsa in circostanze misteriose, sembra sia stata rapita da una mente malata pronta a sacrificare la sua giovane vita, ed è solo l’ultima di una lista che negli ultimi sei anni è diventata abbastanza allarmante. Marcus è un cacciatore specializzato nella ricerca e nella soluzione delle anomalie nei casi criminali, come quello della ragazza scomparsa per cui viene ingaggiato, ma ha un passato oscuro ai suoi stessi occhi con il quale dover fare i conti. Sandra è un’agente della Scientifica, una fotorilevatrice addestrata a scovare gli indizi più difficili sulla scene di un crimine, colpita da un grave lutto al seguito del quale verrà coinvolta totalmente lungo il dispiegarsi della vicenda.

Qual è il segreto che si cela nei meandri bui di Roma? Un mistero che coinvolge alti poteri e porta con sé un retrogusto amaro di disobbedienza e crimine. Un thriller da non perdere, in stile nordamericano, che riesce a tenere incollati gli occhi di chi legge sulle sue pagine.

“È complicato credere che qualcuno ci abbia messi al mondo solo per vederci soffrire. Si dice che se Dio è buono allora non può essere onnipotente, e viceversa. Un Dio buono non farebbe penare i suoi figli, allora vuol dire che non è in grado d’impedirlo. Se invece ha previsto ogni cosa, allora non è buono come vuole farci credere”.

Lascia un commento