Libri in uscita a Dicembre 2012

Tra i libri in uscita a Dicembre 2012, spiccano importanti novità, sia per i lettori impegnati, sia per chi cerca qualcosa di più leggero, in perfetta sintonia con il Natale. Ecco alcune tra le più interessanti proposte letterarie di Dicembre 2012.

Il ritorno di J.K. Rowling

Torna J.K. Rowling, ormai orfana di Harry Potter, con il suo nuovo, ultimo, attesissimo libro: "Il seggio vacante" (Salani) ci porterà a Pagford, una cittadina inglese apparentemente pacifica e tranquilla, ma dietro la cui facciata rassicurante si nascondono intrighi e segreti degni del miglior castello medievale: è sufficiente la morte di Barry Fairbrother, che lascia un posto nel consiglio municipale nella cittadina, per risvegliare rancori sopiti e far esplodere guerre intestine tra ricchi e poveri, figli e genitori, mogli e mariti, insegnanti e allievi. Pieno di colpi di scena, il nuovo libro della Rowling si è fatto attendere, ma ne sarà valsa sicuramente la pena.

Una nuova trilogia erotica per Mondadori

Dopo il successo straordinario (e inaspettato) della trilogia "Cinquanta sfumature" di E.L. James, ecco un nuovo caso letterario per Mondadori: l’autrice porta il nome di Sylvia Day e il libro che leggeremo si intitolerà "A nudo per te". La Day ci racconta la storia di Eva Tramell, giovane neolaureata che sta per iniziare il suo lavoro in un’importante agenzia pubblicitaria in quel di Manhattan. L’incontro con Gideon Cross, un uomo d’affari dotato di fascino e carisma e proprietario del palazzo in cui lavorano entrambi, farà scattare scintille, anche se Gideon non vuole essere coinvolto sentimentalmente, ovvero, non vuole mischiare sesso e amore. Da parte sua Eva non ci sta a farsi trattare come semplice oggetto del desiderio. Alle prese con il proprio passato tormentato, i due protagonisti cercheranno di fare i conti non solo con le proprie identità, ma anche con i loro sentimenti. "A nudo per te" è il primo volume della "Crossfire Trilogy", che ha già sbancato negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

Cos’hanno in comune vino e religione?

In "Prendete e bevetene tutti. Una indagine del commissario Cosulich" (Einaudi), Giovanni Negri ci conduce per mano in un’indagine avvincente e coinvolgente che vede un omicidio (quello di Mario Salcetti, padre delle bollicine italiane), due indagini parallele (quelle dell’ispettore Mastrantoni e del commissario Cosulich) e strani quanto intricati enigmi, come ad esempio: cos’hanno in comune vino e religione? E perché Salcetti era così ossessionato da questo rapporto? Comincia così un lungo viaggio in Europa tra abbazie e monasteri, tra colpi di scena, coinvolgimenti inaspettati e sorprese che si susseguono man mano che le indagini proseguono.

Riconoscere se stessi attraverso i propri avi

Possiamo riconoscere noi stessi e fare una mappa della nostra identità andando semplicemente a rintracciare gli avi che costellano il nostro albero genealogico? Secondo Alejandro Jodorowsky e Marianne Costa, sì. Ce lo spiegano in "Metagenealogia. La famiglia, un tesoro e un tranello" (Feltrinelli), in cui, pagina dopo pagina, riepilogano le diverse componenti che possono influire su noi stessi, sul nostro carattere e sulla nostra personalità, semplicemente attraverso la trasmissione di energie (positive o negative) che i nostri avi e familiari hanno avuto su di noi. Tutto quello che viviamo, così come le nostre inibizioni e i conflitti interiori, può essere raccolto e analizzato tramite una lettura approfondita del nostro albero genealogico, sul quale ci accorgeremo come date, nomi, nascite e malattie si rincorrono e si ripetono in determinate ricorrenze che non possono risultare delle coincidenze. Guardati indietro e conoscerai te stesso, potrebbe essere il motto di questo libro, una originale guida verso la Coscienza del sé, arricchita da una serie di esercizi tecnici e consigli pratici che ci permetteranno di vivere meglio la nostra vita.

Intellettuali e nazismo

Christian Ingrao, in "Credere, distruggere" (Einaudi) cerca di rispondere ad alcune domande: perché gli intellettuali scelsero di servire il Terzo Reich? Perché non si ribellarono quando Hitler prese il potere? Da dove provenivano e chi erano quegli intellettuali giovani e di belle speranze che scelsero di arruolarsi nelle SS e perché parteciparono al folle progetto del grande sterminio? Un’analisi lucida e attenta su una realtà che ancora oggi pone all’umanità i suoi ambigui e terrificanti punti interrogativi.

Lascia un commento