Libri in uscita a Maggio 2010

Sono davvero molti i titoli in uscita nelle nostre librerie nel mese di maggio.

A partire dalle tinte gialle, torna ancora una volta il tanto amato Andrea Camilleri con "La caccia al tesoro" (editore Sellerio), un nuovo inedito caso per il commissario Montalbano che si trova di fronte due strani individui presi da manie religiose e si trova coinvolto in una caccia al tesoro dai risvolti macabri.

Vent’anni dopo aver pubblicato il romanzo di grande successo dal titolo "Presunto innocente", oggi Scott Turow pubblica "Innocente" (editore Mondadori), un altro legal thriller in cui il protagonista si sveglia con la moglie morta nel letto e viene accusato di omicidio.

Esce anche il nuovo romanzo di Edmund Leonard intitolato "Road dogs" (editore Einaudi) che segue la fuga di due persone da un killer professionista. I due protagonista hanno infatti sventato quasi per caso un tentativo di estorsione ma adesso non c’è niente se non la strada a proteggerli. Neanche il programma di protezione del FBI sembra sicuro.

"La dea cieca" di Anne Holt (editore Einaudi) è un romanzo imperniato su due omicidi che sembrano irrisolvibili in cui i protagonisti indiscussi sono due mondi, quello degli avvocati e quello della droga, che mostreranno i loro segreti, le corruzioni e soprattutto i loro collegamenti.

"Galveston" di Nick Pizzolatto (editore Mondadori) è la storia di un pregiudicato e di una prostituta costretti a scappare dopo essere stati vittima di un tentato omicidio. Anche una bambina di tre anni entra presto nelle loro vite. Questo romanzo è un giallo con atmosfere al contempo noir ma è in realtà anche molto di più. Si tratta di un romanzo che vuole essere una testimonianza, la testimonianza degli sforzi incredibili che ognuno di noi è disposto a commettere per uscire dalle proprie private solitudini.

In uscita anche "Leviathan" di Scott Westerfeld (editore Einaudi), un romanzo dalle atmosfere decisamente fantasy. La storia e l’immaginazione si intrecciano creando uno scenario di guerra in bilico tra quella che è l’estetica dell’epoca vittoriana e la tecnologia più futuristica che possiamo immaginare. è la guerra tra Darwiniani e Cigolanti sul cui sfondo si erge con tenerezza la storia d’amore tra due ragazzini ricordandoci che c’è ancora speranza nel mondo.

Con tutti questi titoli gialli e fantasy non potevano certo mancare i romanzi storici e i saggi capaci di riportarci con i piedi per terra. "Spartaco il gladiatore" di Mauro Marcialis (editore Mondadori) è un romanzo storico capace di raccontarci con vividezza gli eventi della vita di Spartaco facendoci al contempo comprendere quanto grandi fossero le implicazioni della vita di un gladiatore. Esce anche "Napoleone a Venezia" di Alvise Zorzi (editore Mondadori) che ci mostra i minimi dettagli di un periodo della vita di questo importante personaggio storico.

La casa editrice Chiarelettere proprone tre nuovi saggi. "Intrigo Internazionale. Perchè la guerra in Italia. Le verità che non si sono mai potute dire" di Giovanni Fasanella e Rosario Priore (editore Chiarelettere) cerca di spiegare perchè nel 1969 un’ondata di terrorismo e di violenza politica ha attaccato l’Italia, e solo l’Italia, causando così tanti morti. Gli eventi vengono raccontati nei minimi dettagli analizzando anche tutte le inchieste giudiziarie e le implicazioni internazionali. Torna Oliviero Beha con un libro di chiara e aperta polemica. Si tratta di "Dopo di lui il diluvio. Weimar, Italia" (editore Chiarelettere) in cui l’autore cerca di comprendere che cosa potrebbe accadere nelle nostre coscienze ormai addormentate quando non ci sarà più Berlusconi al comando.
"Assalto al PM. Storia di un cattivo magistrato" di Luigi de Magistris (Chiarelettere) è invece una sorta di inchiesta in cui si cerca di far capire che forse troppo spesso è la politica a decidere che tipo di magistratura deve lavorare e quale invece, troppo scomoda, non può farlo.

Tra gli altri romanzi in uscita dobbiamo ricordare primo fra tutti "Non esiste saggezza" di Gianrico Carofiglio (editore Rizzoli), un incontro tra personaggi tanto differenti tra di loro eppure accomunati dalla voglia di fuggire. Portatori di verità nascoste nel profondo della loro anima questi personaggi si trovano tutti in un luogo, la stazione, che di per sè è portatore di mistero. "Le ore sotterranee" di Delphine de Vigan (editore Mondadori) vede i due protagonisti avvinghiati dalle sofferenze della vita, lei da un mobbing pressante, lui da un amore non corrisposto. Sono due vite che si incontrano e che si sfiorano soltanto, incapaci come sono di vedersi realmente.

Lascia un commento