Libri in uscita a Maggio 2018

Maggio è un mese ricco di novità che l’amante dei libri non può perdere: tra i libri in uscita il prossimo mese sono molti i titoli di grandi scrittori italiani amatissimi dai lettori ma non mancano neanche molti interessanti volumi di firme straniere; ecco cosa troveremo negli scaffali delle piccoli librerie indipendenti e delle grandi catene editoriali.

Tra le più attese novità in libreria a Maggio c’è sicuramente “Divorare il cielo” (Einaudi, dal 8 Maggio) di Paolo Giordano. A dieci anni da “La solitudine dei numeri primi” (Premio Strega e 2008), dopo “Il corpo umano” e “Il nero e l’argento”, Paolo Giordano torna con un altro romanzo di formazione che rende protagonista la voglia, umanissima di trasgredire e l’azzardo di diventare adulti. Una masseria pugliese è il centro di un mondo che sta cambiando velocemente pelle, dove si muovono Bern, Tommaso, Nicola e Teresa. Quattro vite, un identico desiderio di senso, quello di chi cerca disperatamente un fuoco che lo tenga acceso.

Altro volume che i lettori veri non vedono l’ora di sfogliare è “Ogni coincidenza ha un’anima” (Sellerio, dal 10 Maggio), il nuovo libro di Fabio Stassi. Dopo “La rivincita di Capablanca”, “È finito il nostro carnevale”, “Come un respiro interrotto” e “L’ultimo ballo di Charlotte”, lo scrittore-pendolare, ora anche editor di Minimum Fax, torna con un’altra indagine di Vince Corso che aveva già apprezzato ne “La lettrice scomparsa”. Stavolta l’eccentrico biblioterapeuta dovrà svelare un enigma nascosto dietro un labirinto di volumi.

“Un autentico inno alla lettura e alla letteratura” (Ermanno Paccagnini)

Sembra non incontrare battute d’arresto la vena creativa di Matteo Bussola che dopo “Notti in bianco, baci a colazione” e “Sono puri i loro sogni” sarà di nuovo in libreria a Maggio con “La vita fino a te” (Einaudi Stile Libero, dal 15 Maggio). Stavolta concentra lo sguardo l’ordinarietà che acquista nuova luce perché guardata come se fosse la prima volta: la vita di coppia, le relazioni sentimentali, il momento in cui nascono e le difficoltà con crescono; il finestrino della macchina aperto con qualcuno accanto, il bar dove eravamo entrati in estasi e dal quale eravamo usciti dimenticandoci di pagare; l’amore, quello vissuto anche da ciascuno di noi.

“Bussola sa scrivere. Usa le parole con accortezza, con cura, come se fossero importanti. Tanto importanti quanto le esperienze che raccontano” (Michele Serra)

Tra le migliori novità in libreria a Maggio 2018 troviamo anche “Il quaderno rosso” (E/O, dal 9 Maggio), un altro volume di Michel Bussi dove lo scrittore francese promosso in Italia da E/O unisce la competenza del docente di Geografia Politica all’abilità del romanziere di successo per regalarci un nuovo, intrigante romanzo che pone, al centro di tutto, l’attualissimo tema dell’immigrazione clandestina. Dopo “Ninfee nere”, “Non lasciare la mia mano” e “Mai dimenticare” il giallista francese più apprezzato al mondo torna con una storia appassionante dove la parola è degli ultimi.

Anche “Tredici modi di guardare” (Rizzoli dal 8 Maggio) dell’irlandese Colum McCann riserverà interessanti sorprese ai lettori italiani. In questa raccolta di storie dal sapore introspettivo, che giocano con il passato e coi ricordi, mentre intrecciano storia personale e vicende collettive - tra le altre quelle degli immigrati, che negli scorsi decenni lasciarono i paesi dell’Est e l’Isola di smeraldo per lidi migliori ma anche quelle dei soldati di stanza in Afghanistan - McCann ci racconta, nel racconto che dà il titolo al volume, la storia J. Mendelssohn, vecchio e fragile, con un passato da giudice nella Corte Suprema degli Stati Uniti, ora intento ad accarezzare i ricordi di una vita. Un flusso di coscienza magmatico interrotto solo dal delitto del vecchio protagonista e dal pragmatismo necessario per scoprire il colpevole.

Agli amanti dei libri d’avventura e d’azione consiglio “Leopard Rock” (HarperCollins Italia, dal 10 Maggio) un avvincente memoir dove Wilbur Smith, racconta una vita incredibile, che inizia dall’Africa selvaggia per raggiungere le vette della letteratura mondiale. Con onestà e grande maestria, questo autore che con libri come “Monsone”, “Figli del Nilo”, “Il settimo papiro”, “Il dio del fiume” e “Uccelli da preda” ha venduto più di 130 milioni di copie in tutto il mondo, racconta gli episodi più intimi della sua vita, quelli che hanno ispirato le sue storie migliori:

“Scrivo libri da oltre cinquant’anni. Sono stato abbastanza fortunato da evitare le grandi guerre e non esserne colpito, ma al tempo stesso sono cresciuto tra gli eroi che vi hanno partecipato e ho imparato dal loro esempio. Nella mia vita ho avuto molto spesso fortuna. Ho fatto cose che al momento sembravano spaventose, ma da queste esperienze è nata una nuova storia e la capacità di scrivere libri che la gente ama leggere. Ho vissuto una vita che non avrei mai potuto immaginare. Ho avuto il privilegio di conoscere persone provenienti da tutti gli angoli del mondo, sono stato ovunque il mio cuore abbia desiderato e nel frattempo i miei libri portavano i lettori in moltissimi luoghi”.

Tra i libri in uscita a Maggio 2018 segnalo anche “Vorrei che fosse già domani” (Garzanti, dal 3 Maggio) di Massimo Cacciapuoti, la storia di un’amicizia sincera tra due persone speciali. Paolo, dopo un incidente che gli ha fatto perdere l’orientamento è costretto ad affidare la sua vita ai post-it, contenitori di istruzioni e coordinate che, per certi versi, lo rendono simile a un robot. L’insostenibile meccanismo, però, si rompe quando i suoi occhi incrociano quelli esuberanti di Cristina. Solo insieme riusciranno a superare le difficoltà che li circondano, ad uscire dalle rispettive crisalidi e a trovare il loro posto nel mondo.

“Era come se l’anima di Paolo, sciogliendosi in mille gocce, le fosse piovuta nel cuore. Era sempre stato quello il posto di Paolo, il suo cuore, da sempre, già da prima che si incontrassero. Da prima del big bang. Da prima del mondo. Da prima di tutto”.

Grande attesa anche per “Brividi immorali” (La nave di Teseo, dal 3 Maggio), l’esordio letterario di Laura Morante. Una delle migliori attrici italiane arriva in libreria con un florilegio di storie che faranno parlare molto lettori e critici. Bambini, amici, coppie in crisi, nonni e nipoti; non detti, bugie tradimenti, rancori alimentati per anni. Donne nervose, fragili, inquiete, contraddittorie. Sentimenti, relazioni, affetti, troppo spesso macchiati da quella sottile e strisciante violenza quotidiana che contraddistingue il mondo contemporaneo.

Dopo il successo ottenuto in Spagna lo scorso anno “La stagione del ritorno” (Feltrinelli, dal 3 Maggio) di David Trueba arriva nel nostro Paese e ci propone un lungo viaggio nel cuore più antico della penisola iberica a bordo di un carro funebre. Ilare e contemporaneamente malinconico, irriverente e allo stesso tempo intimista, come solo lo spirito spagnolo sa essere, il romanzo di David Trueba ci propone un viaggio a ritroso nella vita di Dani, fuggito dal piccolo paesino dove ritorna per seppellire le spoglie del padre. Un viaggio anche nella memoria, che alla fine gli conferma che la vita è altrove.

Altro autore spagnolo che segnaliamo tra i libri in uscita a maggio 2018 è Fernando Aramburu che dopo il successo di “Patria” torna in libreria con “Anni lenti” (Guanda, dal 3 Maggio).

“Un romanzo importante per la sua audacia e la sua maturità di scrittura. Indispensabile per capire un’epoca e un paese” (El Cultural)

Storia personale e collettiva si intrecciano nella vicenda di Txiki che a otto anni va a vivere dagli zii a San Sebastián. L’ingenuità di un bambino si confronta con le idee indipendentiste che animano i Paesi Baschi negli anni Sessanta, in una nuova famiglia dove il silenzio fa spesso il paio con la scontrosità e il rancore.
Una scrittura nitida e uno sguardo obiettivo sulla realtà sono gli strumenti che permettono a Fernando Aramburu di offrirci una riflessione ricca di ironia e profondità su come il ricordo personale possa facilmente trasformarsi in memoria collettiva.

Lascia un commento