Libri in uscita a Settembre 2010

Settembre è ormai alle porte e trascina con sé molti nuovi titoli. I gialli e i thriller non ci abbandonano neanche nel periodo autunnale ed ecco infatti che arriva in libreria il nuovo atteso romanzo dello scrittore di gialli Andrea Camilleri dal titolo "L’intermittenza" (Mondadori editore). Mauro De Blasi è il direttore generale di una delle aziende più importanti dell’Italia intera. Per portare avanti il suo lavoro nel modo migliore Mauro deve mettere in atto tutta la sua astuzia e giocare giorno dopo giorno con le alleanze che crea e con sottili simulazioni e falsità. Questa ormai è la sua vita ma ad un tratto la sua lucidità comincia ad essere messa alla prova. E’ come se dei black-out improvvisi, delle piccole intermittenze, lo scollegassero dal mondo. Si tratta di un momento delicato quello che l’azienda sta passando. La crisi economica si sta facendo sentire e gli operai sono continuamente in subbuglio. Mauro non può permettersi di lasciarsi andare in questo modo. Deve riuscire a mantenere le alleanze che ha costruito e deve cercare di tenere lontani sia i vicedirettori che sua moglie, tre personaggi nemici che cercano solo il momento giusto per attaccare.

Torna anche l’ormai famoso scrittore di crime fiction Iain Pears con il suo nuovo romanzo dal titolo "L’uomo caduto dal tetto del mondo" (Longanesi editore). Siamo a Londra nel 1910. Claude Rogers è un giornalista di cronaca nera a cui si rivolge la moglie del defunto John Stone, uno tra i finanzieri più ricchi e potenti di Londra, per aiutarla a trovare un misterioso figlio di John che compare nel suo testamento. La vita di John Stone compare sulle pagine di questo romanzo quasi fosse un vero e proprio documento storico e si intreccia finemente al mistero.

"La ragazza dei fiori morti" è il thriller d’esordio di Amy MacKinnon (Rizzoli editore). Clara, la protagonista, lavora in un’agenzia di pompe funebri. La solitudine ha ormai preso dimora nella sua vita e Clara si sente felice solo quando accompagna il viaggio dei morti regalando loro dei fiori. Conosce bene il linguaggio dei fiori Clara ed è brava a scegliere quello giusto per ogni anima. Un giorno conosce una bambina e diventa subito una sua grande amica. Ma l’uccisione di un’altra bambina farà capire a Clara che è arrivato il momento di uscire dalla sua solitudine se vuole salvare la vita della sua piccola amica e di molte altre persone.

Per la narrativa straniera in uscita nel mese di settembre dobbiamo ricordare "Dublinesque" di Enrique Villa-Matas (Feltrinelli editore) che vede come protagonista Samuel Riba ossia l’ultimo editore, o così almeno lui si considera, rimasto sulla faccia della terra. Quando Samuel va in pensione la follia lo assale e comincia a leggere e rileggere tutti i suoi romanzi preferiti. Un giorno Samuel fa un sogno premonitore e proprio a causa di quel sogno si trova alla ricerca delle tracce dell’Ulyisse di James Joyce. Tutte le domande che da sempre Samuel Riba si è posto sembrano finalmente aver trovato una loro soluzione. Enrique Villa-Matas ci regala un libro che è una riflessione profonda sul mondo della letteratura e dell’ironia ma che è al contempo un romanzo di un’ironia davvero tagliente. "Questo bacio vada al mondo intero" di Colum McCann (Rizzoli editore) è un ritratto dell’America degli anni ’70 in cui storie voci differenti si intrecciano sino a tracciare la grandezza ma anche le debolezze di questo paese.

Tra i titoli italiani in uscita per il mese di settembre dobbiamo ricordare "Sangue mio" di Davide Ferrario (Feltrinelli editore), la storia di un padre, Ulisse Bernardini, rinchiuso in carcere per rapina e di una figlia che lui stesso non sapeva di avere. Pochi giorni prima che la condanna di Ulisse finisca la figlia si avanti facendo in modo che le loro strade si incrocino in modo indelebile. Ulisse si butta in un viaggio verso sud insieme alla figlia. "Quello che non sappiamo" di Antonella Boralevi (Rizzoli editore) è invece la storia di un professore universitario di matematica omosessuale che però non ha ancora rinunciato al suo desiderio di paternità. Grazie ad un’agenzia di New York e all’inseminazione artificiale riesce ad avere un figlio ma lo abbandona spaventato dal modo in cui quel figlio è stato concepito. Quando però inizia davvero a porsi le giuste domande sulla sua vita si rende conto di aver commesso un enorme errore e decide di tornare a riprenderselo.

"La marea umana" di Franco Cordelli (Rizzoli editore) è la storia di due uomini di sessant’anni che durante il tempo del liceo erano stati buoni amici. I due uomini fanno un bilancio delle loro vite e delle scelte che hanno preso. E’ allora che capiscono che il tempo è una marea che travolge la vita delle persone. "La cotogna di Instanbul" di Paolo Rumiz (Feltrinelli editore) è invece come dice il sottotitolo una ballata per tre uomini e una donna. Max e Masa si innamorano ma il loro amore non trova il tempo di diventare reale che Max, ingegnere austriaco, è costretto a ritornare in patria. I due non potranno vedersi per ben tre anni. Masa si ammala purtroppo eppure la fiamma dell’amore non riesce a spegnersi neanche nelle avversità. Max e Masa riusciranno comunque ad avere il loro amore. E’ un romanzo commovente ma è anche un romanzo pieno d’avventure perchè Max sarà lentamente trasportato nel mondo di Masa in un viaggio che è un rito e una scoperta al contempo ma anche una sorta di resurrezione.

Lascia un commento