Libri in uscita ad aprile 2020: le novità da non perdere

L’aprile che ci aspetta non sarà un mese semplice: tra le tante imprese toccate dal coronavirus, anche quella editoriale e libraria subirà duri colpi. Le novità previste per fine marzo e inizio aprile in parte sono già state rimandate e non ci è dato fare previsioni troppo accurate.
Le uscite finora confermate però ci sono ed è giusto dar loro spazio. Ecco quindi, come ogni mese, la nostra proposta di novità da non perdere.

Libri in uscita ad aprile: quali leggere?

Per gli amanti della poesia, segnaliamo l’uscita del volume Prose e poesie di Vittorio Sereni (Mondadori), curato da Giovanni Raboni. Il volume offre una ricca selezione di versi e prose del poeta di Luino e un’ampia scelta di testi critici a lui dedicati.

Per Einaudi è prevista l’uscita di Il cuore di un’ape di Helen Jukes (28 aprile), una meditazione sui legami, con le loro vulnerabilità e la cura che richiedono, che oscilla tra il memoir e il racconto sulla natura.
Se cercate invece un memoir a tutti gli effetti, il 9 aprile esce per La nave di Teseo A proposito di niente di Woody Allen, già disponibile in anteprima in edizione ebook. Con sincerità e ironia, il famoso regista racconta la propria vita.

Il 7 aprile, per Einaudi Stile libero, arriverà in libreria L’invenzione di noi due di Matteo Bussola. Milo, dopo quindici anni di matrimonio, si rende conto che Nadia non lo ama e sceglie di non arrendersi e inizia a scriverle fingendosi un altro uomo. Il suo piano, però, presto si rivelerà una trappola. Come fare?

Per Rizzoli è prevista l’uscita del nuovo libro di Maurizio De Giovanni, A proposito di Sara (21 aprile): Sara Morozzi, la donna invisibile con cui l’autore ha individuato una personalissima declinazione del noir italiano, torna ad appassionare i lettori.
Continua anche la saga della Terra spezzata, con il volume Il portale degli obelischi di N.K. Jesmin, in uscita il 7 aprile per Mondadori. Il romanzo, che ha vinto nel 2017 il Premio Hugo, porta avanti le vicende di Essun: la Stagione della fine potrà mai finire?
Per chi non ama il fantasy, segnaliamo invece l’uscita di La volpe era già il cacciatore di Herta Müller (Feltrinelli). Dalla pelle di volpe che Adina ha in casa scompare prima la coda, poi una zampa, poi un’altra. Il regime di Ceaučescu sta per cadere e la maestra è stata presa di mira dai servizi segreti, ma la minaccia non cesserà anche con il crollo della dittatura.
Il 30 aprile (l’anniversario del giorno in cui l’Armata Rossa conquista il bunker dove Hitler si è tolto la vita) esce arriva in libreria il fantapolitico romanzo L’ultimo inganno di Hitler di Matteo Rampin (HarperCollins). Cosa sarebbe successo se i soldati avessero trovato l’uomo ancora vivo?

Per gli appassionati d’arte, il 9 aprile uscirà per Skira editore il catalogo della mostra Raffaello 1520-1483 che, dato l’annullamento dell’attesissima esposizione, si trova ad assumere un ruolo di ancora maggior rilievo, costituendo di fatto, al momento, il principale accesso alle opere esposte.
Sempre dal 9 aprile, sarà disponibile il saggio Colore vivo. Il significato biologico e sociale del colore della pelle di Nina Jablonski (Bollati Boringhieri). L’autrice, attivissima nel campo divulgativo, specialmente contro il razzismo, indaga il ruolo che la pelle (e il suo colore) ha avuto nel corso dei secoli.
Per restare sulla non-fiction, infine, segnaliamo l’uscita del volume Mina (Rizzoli): ricco di foto, disegni, interviste d’epoca, il libro vuole restituire con sincerità la figura caleidoscopica di Mina. Anche Mondadori ha scelto ci celebrare l’artista con il volume Mina. Una voce universale di Luca Cerchiari, in uscita dal 7 aprile.

Lascia un commento